LA FILTRAZIONE
(réf.:Fiches pratiques d’œnologie AGRIDEA)

Filtrazione
- Principio di separazione di 2 fasi, l’una solida e l‘altra liquida per passaggio attraverso una parete porosa con ritenzione della fase solida.
- Filtrazione = processo di chiarificazione

Porosità
- Volume di vuoto di una sostanza in rapporto al suo volume totale
- Si esprime in %
- Si raggiunge la porosità massima quando tutte le particelle hanno la stessa forma.
- Non confondere porosità con diametro dei pori

Permeabilità
- Proprietà di una sostanza a lasciare passare un liquido.

Natura del torbido nel vino
- Particelle colloidali quali: cristalli di tartaro allo stato nascente, casse metalliche in formazione, colloidi proteici o glucidici.
- Sospensioni microbiche: lieviti e batteri
- Depositi: resti provenienti dalle uve, cristalli tartarici, materie coloranti precipitate e avanzi di filtrazione 
- Il potere riempente dei torbidi è inversamente proporzionale alla loro taglia

PRINCIPI
Setacciatura
- Ritenzione meccanica di tutte le particelle grosse superiori ai pori dello strato filtrante.
- Ritenzione in superficie quindi rischio di colmamento rapido
- Aumento dell’efficacia della filtrazione con la diminuzione della permeabilità dei materiali di filtrazione
- Possibilità di effettuare una filtrazione povera in germi.
 
Assorbimento
- Ritenzione delle particelle solide in profondità.
- Ha luogo su tutto lo spessore dello strato fitrante.

Adsorbimento
- Fenomeno elettrostatico
- Ritenzione in profondità
- Permette la ritenzione di particelle molto piccole, generalmente di taglia inferiore a quello dei canali di circolazione, alla superficie e all’interno dello strato filtrante .
- Fenomeno verosimilmente sottostimato, particolarmente a livello proteico.

Portata di un filtro
Permette di dimensionare i filtro;
unità : I / m2 / h,  I / filtro / h, ecc...

Resa di un filtro
- Capacità totale di un filtro prima della colmatura 
- Unità Lt / Mq / filtro ecc…
- La resa di una piastra corrisponde all’incirca a 5 volte la sua portata
Pressione di filtrazione=
Pressione di entrata – contro-pressione

Guida alla filtrazione a piastre
- Montare il filtro e verificare il centraggio delle piastre e stringerle leggermente, bagnarne i lati e stringere con forza
- Risciacquare con acqua per togliere il gusto di carta.
- Eventualmente passare 10 g/l di  acido citrico considerando 1,5 – 2 Lt per ogni piastra, a circuito chiuso per alcuni minuti
- Fare una prova di tenuta a 2 bars
- Svuotare l‘acqua
- Spingere l’acqua residua con vino in un circuito aperto
- Creare un circuito chiuso con il serbatoio per alcuni minuti
- Procedere alla filtrazione
 
Rapporto tra piastre
- 1 piastra 40x40 = 4 piastre 20x20
- 1 Piastra 60x60 = 9 piastre 20x20
Bisogna considerare 7,5 piastre 40x40 per 1 Mq di superfice filtrante
Una piastra 40x40 ritiene 0,5 Lt di liquido

Filtrazione con membrane 
- Porosità tra 0,2 e 1,2 micron in generale
- Test di tenuta di pressione; permette di controllare lo stato della membrana. Corrisponde all’80% della pressione del punto di bolla durante 5 minuti. (difetti possibili : rottura, scollamento, pori allargati …)
- Punto di bolla: Si pratica sulla mem-brana umidificata e deve tenere una pressione predefinita dalla fabbrica. Il test si effettua con azoto.
- Rigenerazione ad acqua calda 50-60°C a ciclo corrente nel senso di filtrazione.
- Sterilizzazione ad acqua o vapore 90°C
- Stoccaggio della membrana in una soluzione di  SO2 al 2%, eventualmente addizionato con acido citrico.
- Manutenzione e utilizzo come da indicazioni del fabbricante.
- L’indice di colmatura di un vino può essere misurato in pre-filtrazione, in modo da calcolare la media filtrante da utilizzare. Questo permette di apprezzare l’efficacia della filtrazione su membrana misurando l’evoluzione della scolatura ed attraverso questo si ottiene l’attitudine del vino ad essere filtrato. In generale se “Indice colm : Indice scol “ supera i 20 ci sono forti possibilità di intasamento della membrana